FRANCIGENA, 370 KM DI TURISMO SLOW

FRANCIGENA, 370 KM DI TURISMO SLOW

Firenze – Si punta molto sulla Francigena. Per un turismo slow, riflessivo. Un turismo fatto di arte, storia, paesaggio ed enogastronomia. Un nuovo turismo, quello più spirituale, di elevatissima valenza culturale, di chi ama il contatto con la natura. La Toscana ci ha investito.

“Un cammino europeo, che noi – ha detto il governatore toscano Enrico Rossi a Bruxelles, dove è andato per presentare all’Istituto Italiano di Cultura, il progetto della via Francigena toscana – vogliamo dedicare a tutti i giovani di questo continente, rendendolo attrattivo ai loro occhi grazie anche ad un accesso alla banda larga su tutto il percorso”. Un antico percorso della fede reso più moderno ed accessibile che mai: la Toscana è l’unica regione europea ad aver recuperato interamente questo cammino.

Il percorso ufficiale da Canterbury a Roma è lungo duemila km, articolato in 79 tappe attraverso 4 Paesi (Inghilterra, Francia, Svizzera, Italia). Il percorso italiano si snoda in ben 7 regioni e 140 Comuni, con 44 tappe . Il tratto toscano è di 370 km e attraversa 38 Comuni. Percorrendo 25 km al giorno servono due settimane per compiere l’intero percorso, interamente messo in sicurezza e ben segnalato. La Toscana ha recuperato il tracciato grazie ad un investimento di 16 milioni (8 milioni per la messa in sicurezza, 2 per la segnaletica e 6 per le strutture ricettive: oltre 1200 lungo l’intero percorso nel raggio di un km dal sentiero).

Una sorta di museo a cielo aperto lungo 370 chilometri che si aggiunge alla già ampia offerta turistica della Toscana. La via Frangicena, nel 2014, ha contribuito al Pil toscano per 24 milioni: all’incirca come la metà del fatturato dell’aeroporto di Firenze. “Noi vogliamo – ha detto Rossi a Bruxelles – che diventi una nuova infrastruttura del turismo regionale, in grado di creare 500 posti di lavoro in un anno”.
Nel 2014 la Francigena toscana è stata frequentata da oltre 150mila viandanti, con un incremento sul 2013 del 20%.

Da Bruxelles a Milano, alla Bit, la Borsa Internazionale del turismo, e all’Expo, prossima alla partenza e nella quale la Toscana è destinata a recitare un ruolo da protagonista. Come un concerto. Si chiama Francigena Melody Road 2015 il Festival europeo di suoni e melodie che lega ed unisce i popoli in un itinerario in grado di educare e divertire. La colonna sonora della Francigena sarà presentata il 16 febbraio a Roma, presso il Ministero dei beni culturali e del turismo. Sarà presente il ministro Dario Franceschini, il presidente toscano Rossi, l’assessore al turismo Sara Nocentini, il direttore artistico Roberto Cacciapaglia e il consigliere regionale Paolo Tognocchi.

Il festival è alla quarta edizione. Stavolta, in coindicenza con l’Expo, si pensa in grande. Nel cuore della Toscana, fra Altopascio, San Miniato e San Gimignano, il Festival 2015 toccherà 13 località del percorso francigeno, da Pontremoli a Montalcino, con 18 date che metteranno in rete i teatri e i luoghi di culto simbolo della Via in nome della musica di qualità.
Saranno presentati programmi originali, legati alla Francigena e ai suoi temi: il pellegrinaggio, il viaggio, l’incontro, l’accoglienza, l’ospitalità, la sfida con se stessi.
Direttore artistico del Festival sarà il Maestro Roberto Cacciapaglia, uno dei migliori compositori contemporanei, indiscusso protagonista della scena musicale italiana più innovativa, l’artista più adatto a interpretare musicalmente il tema della ricerca della spiritualità come viaggio di emozioni.

Nella sfida di Expo 2015 la Toscana si prepara a giocare, oltre alle sue carte artistiche e paesaggistiche, anche tutte le sue innumerevoli carte enogastronomiche, con un percorso sia multisensoriale, in grado di far sperimentare al visitatore le bellezze e le eccellenze della regione, sia sul territorio, grazie all’attivazione di percorsi ad hoc.

Iniziative che la Regione e Toscana Promozione hanno presentato alla Bit: dieci idee di itinerari turistici tematici per “gustare la Toscana” e otto specifici per il business, con l’obiettivo di integrare e valorizzare il tessuto imprenditoriale regionale.

La Toscana è una destinazione romantica: l’offerta turistica, culturale e paesaggistica toscana, unita all’inconfondibile atmosfera, rappresenta un valore aggiunto per le vacanze a due. Da sempre destinazione prediletta per la celebrazione di matrimoni da sogno, soprattutto per le coppie straniere, la Toscana si scopre quest’anno meta ideale per fughe romantiche tra le colline, nelle città d’arte o in riva al mare, svelando percorsi e programmi in grado di conquistare le coppie di ogni età e provenienza.

In treno, in auto, a piedi ed anche in bicicletta. Per gli amanti delle due ruote, il progetto Tuscany by bike mette a sistema l’offerta Toscana che è veramente ampia. Oltre alla Francigena, itinerari adatti a tutte le gambe, dalla lunga pista ciclabile che costeggia l’intero asse del fiume Arno, dall’aretino alla costa, passando per città d’arte come Firenze e Pisa, ai percorsi sugli Appennini, dalle zone collinari alla costa. Turisti che potranno contare su sempre più numerose strutture ricettive bike friendly, distribuite sul territorio, dalla Maremma all’Appennino, per godere al meglio percorsi, paesaggi e una biodiversità che non finisce mai di sorprendere.

Non poteva mancare il vino. Il progetto Wine Resort raccoglie e mette a sistema un’offerta di assoluta eccellenza che, con una app, abbina alcune strutture ricettive di altissimo livello con una produzione vitivinicola altrettanto eccellente. Una tematica turistica e una motivazione di viaggio di sempre maggior interesse. Ad oggi hanno fatto sistema e dato vita alla proposta Wine Resort otto tra le strutture top di gamma del territorio.

La Toscana scopre dunque le carte del 2015.
La regione si conferma una delle regioni più competitive in Italia, con 12,3 milioni di arrivi e 43,4 milioni di presenze nel 2014: 209 mila arrivi e 441 mila di pernottamenti in più rispetto all’anno precedente.

Per il 2015 le stime più aggiornate parlano di una ulteriore crescita dei flussi turistici, soprattutto stranieri e in particolare da Stati Uniti, Canada, Cina, India ed Europa Centrale e del Nord. In crescita la domanda di formule legate all’enogastronomia, il lusso accessibile, lo shopping, la cultura e le proposte sportive. Richieste che la Toscana si prepara a soddisfare.

“E’ questo il quadro da cui partiamo per rafforzare la presenza turistica della regione nell’anno dell’Expo qui a Milano Il nostro obiettivo è creare le condizioni affinché chi viene in Toscana sia mosso alla scoperta di percorsi nuovi e intriganti, qualsiasi mezzo decida di scegliere per spostarsi”, ha detto l’assessore regionale alla cultura e al turismo Sara Nocentini presentando alla Bit il programma turistico toscano per l’anno in corso.

image_pdfimage_print

Leave a Reply

Share this: