Enrico Rossi: nuova riforma dei vitalizi regionali

Enrico Rossi: nuova riforma dei vitalizi regionali

Firenze – Consiglieri ed assessori che saranno eletti e nominati nelle prossime elezioni regionali della Toscana non avranno più diritto al vitalizio. La soppressione è stata votata dal Consiglio regionale il 10 gennaio 2013. E sempre in tema di risparmio delle spese per la politica, il Consiglio regionale ha deciso anche di ridurre da 55 a 40 il numero dei consiglieri regionali e da 10 ad otto il numero degli assessori. Fino al 2010, ricordiamo, i consiglieri erano 65 e gli assessori 14.
Rimane aperto il capitolo dei vitalizi di ex consiglieri ed ex assessori. Sono un centinaio.
Un capitolo su cui intende “mettere la faccia” Enrico Rossi, che annuncia un’ulteriore riforma dei vitalizi regionali. Lo fa nel corso di una conferenza stampa insieme ai segretari toscani del Pd Dario Parrini e dell’Italia dei Valori Giovanni Fittante (che annuncia la scelta di appoggiare Rossi e la maggioranza che lo sostiene, pur senza una lista specifica dell’Idv). Una proposta che Rossi sintetizza in tre punti: divieto di cumulo, tetto massimo, età minima a 65 anni. Sono misure con effetto retroattivo.

“Rilancio – dice – un impegno che ho già preso: sarà mia premura, se sarò eletto, presentare un’ulteriore riforma dei vitalizi regionali. Ecco i tre punti cardine: “Stabilire che il vitalizio si possa percepire a 65 anni, fissare un tetto netto al trattamento in modo che non si vada oltre un certo limite, stabilire il divieto di cumulo con altri trattamenti, come il vitalizio parlamentare o quello europeo”.
“Mi sembra – sottolinea Rossi – una proposta seria, completa, anche se non sarà di facile realizzazione. ” La Toscana in questo campo ha già fatto molto: negli anni il numero dei consiglieri è passato da 65 a 55 e nella prossima legislatura si ridurrà a 40. Gli assessori sono passati da 14 a 10 e diventeranno 8. Siamo stati tra i primi a fare queste scelte. Ci impegniamo a fare di più”.

“Aggiungo comunque – conclude il presidente uscente della Toscana – che per fortuna la democrazia parlamentare consente anche a persone come me, di origine contadina, di impegnarsi nella politica e nell’amministrazione, anche con uno stipendio importante. Gli estremismi di chi vuole eliminare tutto non ci appartengono”.
E poco dopo un post su Facebook a ribadire il concetto :
In Toscana la politica costa meno. Il nuovo consiglio regionale sarà di 40 consiglieri anziché 55. La giunta di 8 assessori anziché 10 e i consiglieri non avranno diritto ad alcun vitalizio. Per il passato: divieto di cumulo con il Parlamento Italiano ed Europeo, tetto massimo e solo al compimento dei 65 anni ‪#‎CiSiamo

Nel filmato: Enrico Rossi annuncia l’ulteriore riforma dei vitalizi regionali: divieto di cumulo, tetto massimo, età minima 65 anni. Il tutto con effetto retroattivo.

Nella foto di copertina: Enrico Rossi, candidato alla Presidenza della Toscana, tra Dario Parrini e Giovanni Fittante, segretari regionali delPd e dell’Idv.

image_pdfimage_print

Leave a Reply

Share this: